Consulente Web Marketing e Consulenza Motori di Ricerca

Web Marketing & Search Engine Consultant

Web Marketing per Artisti: Problematiche di Hosting

Quando si fa una casa le fondazioni sono importantissime, creare una presenza web è costruire le fondamenta della presenza online.

Con il termine hosting s’intende il servizio di mantenimento e gestione del sito web presso un provider di servizi web. Si attiva uno spazio su un server che “ospita” (da cui la parola host che significa intrattenere, ospitare) il sito e lo rende visibile in rete.

Attraverso il tuo nome a dominio, il sito viene identificato con dei meccanismi piuttosto complessi che comunque non ci interessano.

Molti ricorrono all’uso di piattaforme che offrono servizi di hosting gratuiti: se voglio crearmi un blog ci sono tantissimi portali che mi offrono la possibilità di farlo gratis con loro e nel giro di pochi minuti.

Allora perché spendere per farsi l’hosting ?

La differenza tra l’avere uno proprio nome a dominio ed hosting e quelli gratuiti è come l’avere casa di proprietà oppure essere in affitto: la prima è tua per sempre, mentre la seconda no.

Quando sei in affitto il proprietario può chiederti di andare via alla fine del contratto, se hai fatto delle migliorie durante la tua permanenza in quella casa le dovrai lasciare lì se non addirittura eliminare perché il proprietario non le aveva autorizzate.

Succede esattamente la stessa cosa quando sei “ospite” nei siti gratuiti.

Con l’andare del tempo la tua presenza (e visibilità) crescono tra i tuoi amici e tra le persone che ti trovano nei motori di ricerca. Se da un giorno all’altro vai via da un sito gratuito tutte le tue pagine saranno andate via e non sarai più individuabile: è come fare un trasloco e non lasciare il tuo nuovo recapito, che può andare bene se uno vuole essere “invisibile”, ma non credo sia il caso di chi vuole acquisire visibilità nei motori di ricerca che stiamo esaminando.

Nel web succede la stessa cosa per via dei link che all’esterno si attiveranno verso di te – i link in ingresso (= le connessione che provengono da altri siti nel web) vengono “tagliati” come le radici di un albero. Un albero senza radici muore.

Nel post Conviene avere un sito web od un blog ? Devo pasare a WorPress ? ho descritto con maggiore approfondimenti questa tematica rispondendo alla domanda di un lettore (e se tu hai domande da formulare, le puoi formulare nei commenti qui di seguito).

Manca poco, ho quasi finito per adesso.

Che cosa occorre per avere un nome a dominio ed hosting personali ?

Non molto e le offerte sono davvero tantissime sul mercato. La distinzione tra offerta ed offerta che devi cercare è nel livello di assistenza. Molti grandi provider offrono servizi web a costi decisamente bassi ma non offrono assistenza telefonica di supporto: in pratica non c’è un call center dove poter chiamare per chiedere informazioni, ma solo un indirizzo di posta elettronica a cui scrivere per rappresentare problemi o chiedere spiegazioni. Per chi non è esperto della materia questa soluzione può non essere sufficiente e non lo è in moltissimi casi.

Ovviamente servizi di hosting che offrono anche supporto telefonico hanno costi decisamente più alti – è un approccio completamente diverso con costi altrettanto diversi.

Considerando che un buon hosting personalizzato può avere un costo dell’ordine di € 15,00 su base mensile non credo sia questo il costo che può compromettere il budget di una azienda o di un piccolo artigiano.

A te la scelta !

3 Replies

  1. Cali

    There are some pretty good deals out there for shared hosting now. For less than 50 euros you can get hosting with ample disk space and monthly traffic allowances. many of the popular hosting plans also have one click install for shopping cart software and blog software so price shouldn’t be something that puts people off having their own hosting. (P.s. are any more of the posts going to be in English, use Google translate as my Italian is not too good sorry) Its a shame that in the UK learning a second language at School isn’t something that is pushed the same as in the rest of Europe)

  2. Proprio in questi giorni, il responsabile di un’associazione mi chiedeva di far loro un blog e voleva sapere se affidarsi alle piattaforme gratuite o acquistare un spazio hosting. Leggendo il tuo post, so di aver dato il consiglio giusto! 🙂