Consulente Web Marketing e Consulenza Motori di Ricerca

Web Marketing & Search Engine Consultant

Come sviluppare la tua strategia di linking e di link exchange

links.jpg

La crescita vigorosa del Web 2.0 e l’attenzione ad esso riservata da blogs ed i media hanno un po messo in ombra l’argomento linking e strategie di linking per il proprio sito. Tuttavia nei forum vedo diverse persone porre la domanda:

  • E’ utile implementare un programma di scambio link?
  • Il link exchange è morto ?

Io ritengo che lo scambio di link, se fatto bene, è una attività che può avere un impatto positivo sulla strategia complessiva di visibilità del sito nei motori di ricerca. Il problema è come farlo.

La mia esperienza, fino a questo momento, è stata positiva e la strategia ha portato molto traffico mirato che si è poi trasformato da visitatori, a prospects, a Clienti.

Forse l’unica regola ferma da rispettare è quella di evitare le pagine FFA (Free For All), cioè quelle pagine dove tutti possono aggiungere un loro link.  Vedo sostanzialmente due problemi con queste pagine:

  1. Sono pagine che contengono un numero illimitato di link e sappiamo che il potere autoritativo di un link è inversamente proporzionale al numero di link presenti nella pagina – leggi più link ci sono e meno valgono
  2. Sono pagine che contengono link non in tema. Io non voglio che il mio sito di un albergo a roma sia inserito in un elenco tra un link di rivendita di automobili ed un altro di una agenzia immobiliare di frosinone

Link da queste pagine possono essere pericolosi, possono cioè indebolire le azioni per acquisire visibilità nei motori di ricerca ed in ogni caso acquisire link da queste pagine sono una vera e propria perdita di tempo.

Voglio dire altra cosa a proposito dello scambio di link tra siti che penso sia sbagliata: Vedo siti che si rifiutano di instaurare rapporti di collaborazioni con i link se non si ha un Page Rank minimo che viene stabilito (penso a caso) dal webmaster: vedo richieste di link da pagine con PR minimo che oscilla tra il 2 ed il 5 – anche questo penso sia sbagliato.

Prendi i link che ti vengono offerti non in base al PR della pagina ma ina base a:

  • come si presenta il sito
  • come è organizzata la strategia di linking e di scambio link
  • quali sono i siti da cui ha ottenuto link
  • quanti sono i link che vengono messo su ogni pagina

Tutti devono cominciare da qualche parte !! Un sito che oggi ha PR=0 può essere un sito che domani ha PR=5

 

One Reply

  1. Utilizzare un software dedicato velocizza le cose, io personalmente lo consiglio, ce ne sono molti disponibili.