Consulente Web Marketing e Consulenza Motori di Ricerca

Web Marketing & Search Engine Consultant

Da oggi se cerchi m$%&a italia.it non è più primo su Google

La denuncia dello spam nei motori di ricerca: linee guida di Google per eliminare lo spam dall’indice

Stavo finendo di scrivere questo post ed ho fatto una ultima ricerca con la parolina m$%&a ma italia.it era sparita. Forse rimossa manualmente, forse per un piccolo aggiornamento dell’algoritmo (anche se propendo per la prima ipotesi visto che il tam tam in rete non dice nulla al riguardo).

Discussioni che ho seguito in rete a tal proposito mi hanno incuriosito ed ho dato uno sguardo più attento alla cosa … la piccola analisi che segue ti può essere utile per fare un po di conti in tasca alla concorrenza 😉

E’ interessante andare a fare due conti per capire la genesi della reputazione – seguimi e capirai …

La query:

link:www.italia.it

ci dice che esistono 1.080 link entranti

per vedere se ci sono dei link entranti con la parolina m$%&a ho aggiunto il comando inanchor:m$%&a

Il comando:

link:www.italia.it inanchor:m$%&a

dice che non ci sono link entranti nel sito con la parolina nell’anchor text (il testo visible sul quale si clicca per accedere ad una pagina web).

Figo.

Allora non ci sono link entranti su italia.it che conferiscano la reputazione attribuile a quella parola ?? Falso. E adesso vediamo perché.

Fai una query per la parola m$%&a limitandola a quelle pagine dove appare nel testo – devo utilizzare l’operatore intext:

intext:m$%&a

restituisce 4.210.000 risultati

Mentre pagine che abbiano nel testo visibile della pagina la parola italia.it sono date dalla query

intext:italia.it

che restituisce 1.100.000 risultati

Per fare l’intersezione dei due gruppi di risultati basta unire i due operatori in una unica query:

intext:italia.it intext:m$%&a

questa query restituisce un sottoinsieme di risultati che è di 47.900 pagine.

(la stessa query si poteva fare utilizzando l’operatore allintext:italia.it m$%&a – un elenco completo degli operatori è disponibile all’indirizzo http://www.google.com/help/operators.html )

Quindi esistono circa 50.000 pagine in rete che abbiano associato il portale italia.it alla m$%&a.

Affiancando l’operatore inanchor all’ultima query il numero di risultati aumenta:

intext:italia.it intext:m$%&a inanchor:m$%&a

restituisce 50.100 risultati

Non tutte queste pagine hanno un link con la parola m$%&a nel testo visibile, ma c’è da pensare che molte pagine avranno contribuito al successo dell’iniziativa di googlebombing.
La cosa interessante è che la maggior parte dei link sembrano essere blog (era una cosa che ci potevamo aspettare vero ?) e che la presenza in rete di ben 50.000 pagine si è verificato in un lasso temporale molto ristretto.

Speriamo che noi (= la gente) sappia utilizzare questo potere mediatico per migliorare la qualità della nostra vita e denunciare anche altre cose gravi che ogni giorno accadono sotto il nostro naso senza che si faccia qualcosa …