Consulente Web Marketing e Consulenza Motori di Ricerca

Web Marketing & Search Engine Consultant

Caos nelle registrazioni di nomi a dominio .IT

NIC.IT Problemi con la nuova regolamentazione

Sono giorni difficili al Register Italiano a Pisa. È cambiato il regolamento e le modalità operative di registrazione dei nomi a dominio .it e sono il titolare di un contratto di maintainer.

Le registrazioni sono state sospese dal 28.02 fino al 5.03 per permettere l’implementazione delle nuove regole e delle procedure.

Il documento per la registrazione dei nomi a dominio è un PDF di oltre 100 pagine.

Ora non voglio fare l’italiano che perennemente si lamenta di tutto quello che si fa, ma qualche osservazione va fatta almeno da un punto di vista commerciale, visto che i maintainers sono dei Clienti (almeno come la vedo io …)

Qualcuno potrebbe pensare “ma questo invece di scrivere sul blog, perché non alza il telefono e lo dice direttamente a loro ?” la risposta è che ci sto provando da 3 giorni – il telefono è perennemente occupato …


PRIMA CONSIDERAZIONE

Il Register ha messo a disposizione un numero di telefono a cui devono telefonare tutti. Risponde una voce registrata che smista le telefonate – ogni maintainer ha un PIN da utilizzare per autenticarsi ed accedere al menu di servizi. Ma se tutti chiamano lo stesso numero i maintainer sono allo stesso livello degli altri – non sarebbe il caso di dare un numero riservato ai maintainer associando il PIN identificativo ?


Sono andato all’indirizzo che ho nei miei bookmark per compilare il modulo tecnico per la registrazione di un nuovo nome a dominio – non è più online. Sono andato sul sito del NIC per cercare informazioni sul nuovo modulo per la registrazione – non ne trovo.

SECONDA CONSIDERAZIONE

Se io cambio qualcosa di importante per i miei utenti faccio in modo da minimizzare gli inconvenienti …


Sicuramente non sono il più attento tra i maintainers non essendo il mio lavoro principale, ma non credo di aver visto una comunicazione (anche sintetica, per email) che riassume le principali novità tra il sistema dismesso e quello nuovo.

Navigando il sito (nella parte pubblica e quella riservata ai maintainers) ho avuto la netta sensazione che era mio dovere leggermi le cento pagine del manuale e tutte le clausole del contratto per capire come funziona il nuovo sistema).

TERZA CONSIDERAZIONE

Ma un paio di pagine a modi FAQ per rispondere alle centinata di domande che in molti si stanno facendo (visto che il telefono del NIC è perennemente occupato) non si possono mettere online ??


Finalmente siamo entrati anche noi nell’era moderna con la nuova procedura di attivazione dei nomi a dominio. Si possono richiedere attivazioni di nomi a dominio tramite l’Email.

Ho provato ad inviare una lettera AR come previsto dal manuale operativo. Meno male non devo mandare più fax … ma non ho fatto in tempo a pensarlo che mi sono dovuto ricredere al volo.

il mio PDF era di 700 K mentre il limite imposto è di 300 – mi sembra veramente poco.

Non che si debba arrivare a 10 Mbyte ma nemmeno costringere la gente ad utilizzare particolari compressioni per la conversione di lettere durante la loro acquisizione con un normale scanner.

QUARTA CONSIDERAZIONE

Come mai il limite dei PDF è così basso ? Chi ne capisce un po di server sa che degli upload in automatico sono sicuramente pesanti (=richiedono molte risorse) ma è pur vero che il costi dell’hardware non sono quelli di una volta – possibile che non si riesce a tarare un applicativo per gestire un upload da 1 MBYTE ??


Per registrare un dominio non .IT ci vogliono 10 minuti – per un .IT 2 giornate quando va bene …

Qualcuno ascolta ? (penso al reputation management …)

Tu hai riscontrato problemi simili/analoghi in questi giorni ??

Posso solo immaginare le sofferenze degli stranieri che tentano di attivare i nostri .it

One Reply